Kikolle Lab Milano

Sabato mattina era prevista pioggia (e direi che stavolta ci hanno proprio azzeccato), il papà doveva lavorare e così, con la mia fedele compagna di scorribande nonché mamma della fidanzata (???) di Tiziano (per chi non lo sapesse, nell’ordine Flavia e Giorgia), abbiamo deciso di iscrivere i pargoletti al laboratorio del sabato mattina al Kikolle. Ci ero già stata l’anno scorso e ci eravamo divertiti molto, così abbiamo prenotato senza indugio.

2016-03-05 Kikolle (1)

Un sabato mattina al mese la mitica Stefania tiene un laboratorio di cucina per i piccolissimi (2-4 anni), il costo è di 24€ a bambino (gli adulti non pagano), ma non fatevi scoraggiare dal prezzo, li vale tutti! Sono due ore (10-12) di puro divertimento per i piccoli, e un’opportunità per noi adulti di avere una piccolissima finestra su cosa fanno all’asilo. Infatti dopo due ore di attività personalmente … ero distrutta, non so come facciano le maestre ad avere tutte queste energie, o meglio ora ho capito come mai all’asilo vanno tutti a nanna senza problemi!

Eh già, perché le due ore si articolano su molte attività, non solo prettamente preparare la torta!

Prima di tutto devo dire che Stefania è una ragazza molto preparata e davvero portata, si vede che ama i bambini. Non so come faccia, ma dopo tre minuti che eravamo entrati sapeva a memoria tutti i nomi (saranno stati più di 10 io dopo i primi 5 ho perso il conto) e chiamava i bambini come se li conoscesse da sempre, si approcciava a loro da amica, da complice.

Le due ore sono così divise:

2016-03-05 Kikolle (5)

ore 10 bambini e  genitori si siedono in cerchio davanti a Stefania che con dei pupazzi e la musica canta filastrocche (le conoscevano tutti i bambini perché a quanto pare in tutti gli asili usano le stesse, quindi nessuno si sentiva escluso!), poi dopo aver messo via i giochi al motto “al kikolle quando un gioco va nel cesto è per lasciare spazio a un altro”, ha tirato fuori un telo multicolore che ha trasformato in un arcobaleno, nel fondo del mare e infine in una giostra! Naturalmente i bambini essendo piccoli, sono sempre liberi di esprimersi come preferiscono e nessuno li obbliga a stare seduti o in piedi o ballare.

ore 11 più o meno verso questa ora dopo aver soffiato bolle di sapone e ballato tutte le baby dance dell’universo, si forma un trenino che porta davanti a … un muro. Solo in apparenza, perché in realtà è una porta scorrevole che si apre su un’altra stanza in cui un lungo tavolo ad altezza bimbo con le loro seggioline, è pronto per preparare le torte!

2016-03-05 Kikolle (12)

Stefania aveva già preparato quanto non poteva essere fatto dai bambini (pan di spagna, vasetti di crema e di cioccolato, pasta di zucchero colorata) e li ha distribuiti a tutti.

I piccoli hanno dovuto assemblare il tutto … ma nel nostro caso pochi pezzi sono scampati all’assaggio e nel sacchetto che ci hanno dato alla fine, non abbiamo messo nessuna torta 🙂

I bambini si alzano, vanno a prendere qualche libro da mettere in tavola e viene portata la … merenda! biscotti e succo per tutti

2016-03-05 Kikolle (17)

Ore 11.30 si balla ancora! Stavolta, però, ognuno con uno strumento! E allora vai di maracas, sonagli, tamburelli, xilofoni e chi più ne ha più ne metta.

Dopo poco Stefania tira fuori l’idea del secolo: “bambini si travasa col cioccolatoooooo!!” E magicamente compare in terra un telo con giochi da mare e … una marea di coco pops che, come sabbia, fanno giocare tutti, anche Aliciotta! La cosa impressionante è che nessun bambino ha provato ad assaggiarli e anche quando a Tiziano ho bisbigliato “è cioccolato!” non ci ha creduto. Boh miracoli del Kikolle …

2016-03-05 Kikolle (18)2016-03-05 Kikolle (20)

 

 

 

 

 

 

 

E’ tempo di uscire. Sosta in bagno (sanitari piccoli a misura di bambino, fasciatoio e sanitari per adulti), ci rimettiamo le scarpe e si va a pranzo!

PER MANGIARE

Dato che tra una cosa e l’altra si esce a mezzogiorno passato abbiamo deciso di pranzare nei dintorni. Abbiamo trovato per caso un ristorante che da fuori sembrava una panineria, ma una volta entrati i proprietari ci hanno mostrato la vetrina dei piatti del giorno: bocconcini di pollo cotti al forno, ravioli di pesto, involtini di pollo ricotta e spiaci, cannelloni di zucca, polpette di vitello “fatte per i bambini” come ci ha precisato il cuoco. Insomma c’era l’imbarazzo della scelta e tutto buonissimo! I proprietari gentilissimi e molto carini hanno giocato con Tiziano e Giorgia che sono andati nella cucina a intrattenerli con storie sconclusionate. Insomma una piacevole conclusione di mattina!

Come si chiama? PAPPAPPERO … GNAM GNAM! in via Archimede 77 a pochi metri dal semaforo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...