Mamma aiutata … mezza salvata!

Premetto che il tema è complesso, qui per forza di spazio e pazienza del lettore ne tratto un solo aspetto e mi rendo conto che non tutti hanno le stesse opportunità.

Sono stata cresciuta con il motto: “arrangiati come se fossi sola al mondo”, periò potevate vedermi di notte su un pulmann pur di non chiamare a casa, o carica di pacchi arrancare per le scale rispondendo al “vuoi una mano?” con un semi isterico “noo ce la facciooo!” Ovviamente questo ha generato in me una ossessione per il controllo delle cose: o si fa come dico io o niente.

Quando è nato il Ciabatto ho impedito a chiunque di aiutarmi, senza rendermi conto che quella di liberare la mamma di certe incombenze, poteva essere una scusa per godere del piccolo arrivato, senza voler insinuare che non fossi in grado di farcela da sola.

Ho resistito strenuamente fino al limite della follia, con corse forsennate in scooter per arrivare in tempo all’asilo, o cene preparate al volo per non lasciare il piccolo a cena dai tanto amati nonni.

Quando il pancione con dentro Alice ha iniziato a farsi sentire, però, la resa è stata incondizionata. E, sorpresa delle sorprese, mi sono accorta che non era poi così male delegare qualcosa! Senza contare che così ci guadagnavano tutti! Tiziano stava coi preziosi nonni, i nonni ringiovanivano a giocare con l’amato nipotino e io avevo tempo per fare le cose con calma!

E poi è successo. Ci ho preso gusto. La Wonder Woman super fisicata dentro di me, allenata da anni di fatiche, stava diventando pingue per l’ozio e sono certa di averla vista anche fare zapping svogliata sul divano e mi piaceva!

 Dal chiedere ai nonni di tenere il bimbo qualche ora a prendere la donna delle pulizie, il passo è stato breve! Che ebbrezza tornare da una giornata in ufficio ed entrare in casa sentendo profumo di pulito e potersi godere marito e bambini nel fine settimana senza l’ansia delle faccende!

Sono molto fortunata perchè posso contare su dei suoceri affidabili, in pensione e vicini, specialmente mia suocera che nella sua risevatezza mi ripete che posso lasciar loro i bambini (eh si, tengono tutti e due!) non solo quando ne ho bisogno, ma anche e doverosamente per prendere un’ora tutta per me!

Alice credo sia nata quasi esclusivamente per insegnarmi ad essere meno rigida sulle mie posizioni e la ringrazierò sempre per questo, perchè ho scoperto che una mamma aiutata è più serena, pur sapendo che in caso di necessità si è in grado di farcela da sole. Che ci sono cose di minore importanza che possono essere fatte in modi diversi dal mio, ma comunque validi! Io mi attaccavo pure al verso in cui veniva passata la spugnetta sul lavello … tanto per dare un’idea!

Dare una mano, però, non significa approfittarsene. Per questo al mattino ho scelto comunque di mandarli all’asilo. Per permettere ai bambini di giocare in modo costruttivo, ai nonni di fare i nonni e “viziare” un pochino i nipotini che vedono per poche ore al giorno, e ai genitori di godersi i figli con serenità.

Sono arrivata persino a farmi tenere Alice dal gelataio per permettermi  di gustare un cono in santa pace! Ormai sono senza controllo, sfrutto chiunque!

“quanta fretta ma dove corri? …Ma ‘do vai!” parafrasando Bennato. Ho capito che ci sono solo alcune cose davvero importanti a cui non si può rinunciare, tutte le altre si incastrano se ce n’è il tempo. Non serve a nessuno fare calcetto o danza se il prezzo da pagare è una mamma esaurita. E di cose ne facevo eh! Torte, pane fatto in casa, andavo a correre, cene a tema … adesso semplicemente mi godo la famiglia e se c’è tempo una volta ogni tanto preparo una tortina veloce o una pizza fatta come si deve.

 Se posso permettermi lancerei nell’etere un consiglio per tutte le mamme che alle volte sentono che … quando vi sentite sommerse da cento attività pensate a che senso ha correre esaurendosi, per poter fare sport, yoga o portare i figli a danza. “perchè è un’ora di svago” direte. Eh già ma se me lo dite guardando freneticamente l’orologio…forse non ha molto senso! E tenersi in forma fisica per poi essere stressati non vale proprio la pena.

Meditate, gente, meditate …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...