#Ricordi

La parte del nostro cervello preposta alla conservazione dei ricordi si chiama Amigdala. Ci sono ricordi belli, brutti, quelli che ci fanno istintivamente togliere la mano dal fuoco perchè brucia, quelli che non servono a niente se non ad occupare Giga.

Beh la mia amigdala deve essere rotta perchè mi ricordo cose strane.

Come ad esemio 352374 che è il numero di telefono del bambino che mi piaceva alle medie e che mi dá un’idea di quante volte ho fatto il numero e poi riattaccato appena rispondeva.

Oppure “Ei fu siccome immobile dato il mortal sospiro” che è questa la prima volta in vita mia che mi capita di usare.

Dei miei figli ricordo quando sono nati, un parto per così dire “controllato” per Tiziano (in sala operatoria, con l’ostetrica che mi guidava e tutti con il camice verde), più spontaneo con Alice (in una stanza travaglio con l’ostetrica che mi ha suggerito di lasciarmi andare completamente, urlare se ne avevo voglia, trovare la posizione che preferivo) benchè entrambi naturali, per mia fortuna veloci e assistiti nella stessa clinica.

Come spesso accade i ricordi traumatici sono meglio impressi nelle nostre memorie e così mi difficilmente mi dimenticherò Tiziano a poco più di un anno all’ospedale operato di una cosa semplicissima, ma in anestesia totale. La sua manina moscia, per gli strascichi dell’anestesia, che tra le sbarre di ferro cercava la mia e lui che biascicando mi disse: “mamma…pisssa” (mamma pizza) strappandomi un sorriso perchè sapevo che stava bene. Naturalmente essendo figlio mio la prima cosa a cui pensa è il mangiare!

Per il resto è tutta una serie di momenti per cui so di aver detto: “nooo questo me lo ricorderò per sempre!” E invece quando riguardo i video sul cellulare mi stupisco come fosse la prima volta che li vedo.

 

Quello di cui sono certa, però è che ricordi particolari o no, ogni giorno è magico e viene rimpiazzato da quello successivo in cui cose eccezionali accadono! Frasi dette per la prima volta, abilità inaspettate, sorrisi fantastici per cui ogni figlio di ogni mamma da che l’Uomo ha memoria (beato lui!) è un bambino speciale, eccezionale.

Alice mi guarda ridendo mentre cerca di alzarsi in piedi, Tiziano con in testa un casco da bici e in pigiama giocacon la cucina di Peppa in un qualsiasi sabato mattina. Ciak faccio una foto mentale per il mio archivio. Mannaggia devo fare un backup ho la memoria piena!

Con questo post partecipo alla rassegna di Stormoms di ottobre sul tema I ricordi, emozionanti, sui nostri figli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...