Ti mangio! 1. Le basi

Già vi avviso, ci vado giù pesante. Se siete suscettibili sull’argomento cibo non leggete questo post.

In questi ultimi anni di noia mortale, l’Essere Umano ha raggiunto un livello di comodità impensabile anche solo 50 anni fa e quando una persona è viziata e annoiata che fa? Si crea problemi inesistenti. Si complica la vita. Perchè? Perchè il cervello (anche se ne conosco alcuni che nel silenzio cerebrale stanno in un brodo di giuggiole) quando si annoia ha bisogno di inventarsi distrazioni … ed ecco così che passiamo da un estremo “abbuffismo” postbellico (durato in verità troppi decenni) in cui le tonnellate di cibo fruibili da tutti hanno fatto perdere il controllo, ad un estremo “digiuno” dei nostri giorni con improbabili teorie su alimenti velenosi e addirittura da eliminare con la biro rossa, che pare il corpo umano non sia misteriosamente in grado di sintetizzare nonostante l’abbia fatto per migliaia se non milioni di anni.

Quanto odio gli estremismi …

Che cosa ripetiamo ai nostri bambini quando lasciano le cose nel piatto, o vogliono aprire mille merendine, dare un morso a ciascuna e buttarla? Che è sbagliato. E lo è altrettanto snobbare radicalmente certi alimenti, solo perchè possiamo permettercelo in termini di reperibilità.

Per evitare una tale esagerazione basterebbe:

1 . conoscere il funzionamento del corpo umano a livelli elementari;

2. non credere a tutte le panzane che si leggono su fonti non autorevoli e che godono a seminare il panico;

3. usare il proprio cervello (ma come dicevo non tutti hanno questa fortuna).

Quando ero adolescente e la moda di inventarsi diete del melone, della luna, delle 7 tisane era solo agli albori, come ogni ragazzina adolescente che si rispetti mi vedevo cessa e grassa. Ovviamente vivevo di diete fai da te tipo un mese a pomodori, 3 giorni digiuno, poi strafogo di porcherie varie … poi è intervenuto il mio papino che è corso ai ripari mandandomi da una dietologa che mi ha solo insegnato a mangiare, dato che non avevo affatto bisogno di perdere peso.

Quello che ho imparato me lo porto dentro da 20 anni e gliene sarò sempre grata e adesso sto crescendo i miei figli in modo che anche loro vivano un rapporto sereno con il cibo. Devo dire per fortuna ho incontrato un marito che ha fatto il mio stesso percorso (lui, invece con lo stesso sistema ha perso diverse decine di chili. Questo per dimostrarvi che una buona, e varia, alimentazione fa ANCHE dimagrire)

Dopo questa pallosissima premessa, passerei a dire che

  1. E’ più probabile che moriremo per l’aria che respiriamo che per il filetto al sangue che ci siamo mangiati ieri sera;
  2. preferite frutta e verdura di stagione, ma non fatene una malattia;
  3. potete mangiare tutte le brioches vegane senza burro, latte, uova (che vorrei capire come stanno insieme) del mondo, ma avete le stesse mie probabilità di essere investiti sulle strisce pedonali;

Ovviamente mi riferisco a persone sane e che conducono una vita normale, tutti i celiaci, allergici, atleti eccetera chiudano qui e ci vediamo al prossimo post.

A Tiziano sto insegnando i fondamentali (se qualcuno dice “si trova tutto anche in altri alimenti non animali” mi arrabbio. Ogni alimento ha le sue peculiarità e non sono replicabili in maniera identica da altri.)

atleta-con-i-muscoli-21818736

Proteine: Mattoncini per i muscoli. Stanno principalmente nella carne. Bianca, rossa, gialla … non siamo razzisti, ci piace tutta.

linfa

Vitamine: Linfa per il corpo. Frutta e verdura, soprattutto nelle bucce.

facciamo-cacca-in-modo-sbagliato

Fibre: Fanno fare la cacca liscia (eh oh, ho detto che sto spiegando ai bambini!). Nei cereali, nella frutta, nella verdura.

images Calcio: Rendono le ossa forti e bianchissime. Nel latte e tutto quello che da lui deriva

depositphotos_28820119-Boy-riding-on-bike-vector

Carboidrati e zuccheri: Danno energia e forza. Nella pasta e nel pane e nei dolci.

cervelloFosforo: Cibo per il cervello. Pesce, pesce, pesce.

Questo è proprio l’abc tagliato con l’accetta che anche i muri dovrebbero sapere e invece a quanto pare non è così.

Detto questo, una buona dieta, inteso nel senso latino e greco del termine (“modo di vivere” in senso lato, “regime alimentare” come lo intendiamo noi) da quando si inizia a mangiare cibi solidi, permette di non dovere forse mai ricorrere a una dieta in senso rinunciatario. Per questo motivo è importante, se non lo fate già abitualmente, avere un planner che vi aiuti non tanto con le ricette, quanto a distribuire in modo equilibrato i cibi nell’arco dei 14 pasti della settimana.

Ricordatevi, poi, che sono fondamentali le quantità.

Se da un lato sono fortemente contraria a una dieta che escluda totalmente le carni, dall’altra sono convinta che il pasto vada sbilanciato a favore della verdura/legumi, quindi fatevi bastare un filetto (per esempio) e abbondate di insalata, pomodori, zucchine quello che preferite.

La frutta andrebbe, da manuale, consumata lontano dai pasti, ma se avete ancora fame, piuttosto che mangiare un altro filetto, sparatevi una mela o una pesca!

dieta_sana_4
Credits: millenuvole.org

Ogni tanto certo che si possono mangiare schifezze! Dovete solo mettervi in testa che il fritto, le salse, i condimenti, le merendine, gli alcolici sono da bandire dalla quotidianità, ma vanno relegate nell’eccezione di una volta al mese al massimo!

can-stock-photo_csp7554130.jpg
Credits: can stock photo

Qua di seguito ecco, quindi, una bella tabella con qualche idea di come distribuire il tutto! Ovviamente nei bambini è sempre preferibile aggiungere una piccola porzione dipasta

Ovviamente non vi lascio soli! Ma vi pare che il canino butta il sasso e tira indietro la mano? Vi darò anche qualche ricetta nelle prossime puntate e combinazioni di pasti …tipo menù settimanale? Manco mai! Perchè sono la prima a non seguirlo visto che gli imprevisti e le voglie cambiano e ci si deve adattare! “Nella vita non vince il più forte, ma quello che si adatta meglio ai cambiamenti” dice il mio saggio maritino! (qui la versione stampabile)

Menu generico

One comment

  1. Bellissimo post! in questi anni di estremismo alimentare chi promuove una dieta varia viene visto come il demonio!
    Bravo canino che a volte cammini su dei campi minati senza paura e non scrivi solo per compiacere il pubblico!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...