Di palloni volanti e altre meraviglie – Festival delle mongolfiere di Ferrara.

Grazie a un post di Daniela mamma blogger di Due per tre fa cinque, ho scoperto che lo scorso fine settimana iniziava a Ferrara il Festival delle Mongolfiere che si concluderà questa domenica 18 settembre.

Di certo avevamo deciso che saremmo andati, inizialmente pensavamo in giornata, ma poi ho avuto la folgorazione: perchè non prendiamo la tenda e non facciamo il fine settimana in campeggio?

Marito appena sente dire “campeggio” tira fuori picchetti e sacchi a pelo, quindi la mia proposta è stata accolta decisamente con entusiasmo!

Proprio al confine con il Parco Bassani dove si svolge il festival, c’è il Campeggio Comunale Estense, piccolo e spartano (non c’è neanche un bar ma solo macchinette al suo interno), ma molto pulito e curato. Pensate che il guardiano di notte è venuto a presentarsi per avvisarci che se di notte vedevamo girare un figuro con la lanterna era lui!

Se invece avete il camper potete addirittura stare dentro al Parco Bassani!

Ai bambini non diciamo niente fino alla sera prima di partire e così Marito ed io, eccitati come due adolescenti, ci ritroviamo in corridoio o in cucina per saltellare e bisbigliare “cam-pe-ggio! cam-pe-ggio!”.

Notoriamente io odio i bagagli, quindi preparo una borsa della palestra con: un unico asciugamano grande per gli adulti (si lo so, che schifo prevedo di asciugare faccia e sedere con lo stesso … spero in questo ordine hahaha) e uno per i bambini (idem). Tanto ho le salviette umidificate potremmo usare quelle! Un accappatoio grande e uno piccolo. Una maglietta di ricambio a testa. Pigiami. Stop e mi pare di avere anche troppo. Infatti … una volta là mi sono accorta di non aver preso gli spazzolini da denti e il dentifricio! vabbeh, poco male abbiamo usato quelli dei bambini! Siiiii spartani abbestia!!! Uuuuuh per due giorni che vuoi che sia!

2016-09-09-borsa-campeggio

Ai piccoli abbiamo detto al mattino che saremmo andati in campeggio e Tiziano ha voluto portarsi il suo martello di plastica per aiutare papà coi picchetti! E così è stato. Montare la tenda con quei due folletti saltellanti è stato divertentissimo, soprattutto nel vedere come erano eccitati una volta DENTRO la tenda!

A piedi arriviamo nel Parco (10 minuti di pista ciclabile comodissima), paghiamo il biglietto e ci dirigiamo nella prima area: un immensa zona per bambini con pista di quad, canoe, percorso avventura e molto molto altro. Ovviamente i bambini volevano andare subito lì, ma essendo mezzogiorno ci siamo prima accertati di riempire le pance!

20160910_122832.jpg

Subito dopo i giochi, infatti, si trovano i baracchini di primi, griglie, piadine … un grande self selvice, con tavoloni sotto al tendone o nel prato.

Parentesi di panico per Tizi che ad un provvidenziale alito di vento che sennò schiattavamo tutti con i 35 gradi che c’erano, ha iniziato a urlare che voleva andare a casa (te lo scordi bbbello mio mo’ ti guardi le mongolfiere e sarai felice CHIARO?). Eh, si, siamo nella fase delle paure e quello di vento, pioggia e temporale è per lui un tema molto spinoso. Urli, sgridate, mangiare di fretta, liti … insomma dai una normale famiglia hahahaha

Ci spostiamo oltre un ponticello alla sinistra della grande area transennata in cui poi voleranno le mongolfiere. E’ una bella area relax sotto gli alberi in riva al laghetto. Nei nostri piani diabolici c’era l’idea di farli dormire un po’, ma sono troppo eccitati (Alice) e spaventati (Tizi) per stare fermi. Riesco a calmare il grande e a quel punto inizia il divertimento!

20160910_175547.jpg

Lì vicino c’è un’altra zona per bambini con il percorso sicurezza stradale (2,5€ a gettone), quello dei pompieri (gratuito) e uno organizzato da Decathlon (gratuito).

Più avanti Il Villaggio Medievale con giochi in legno o nella paglia, arceri, cavalieri ecc… FANTASTICO!

20160910_152146.jpg

20160910_152646.jpg

Un annunciatore ci dice che staranno per gonfiare una “anziana” mongolfiera che non può volare, ma che si presta per essere visitata dentro al pallone!

20160910_160254.jpg

20160910_160502.jpg

Non pensavo che fossero così grandi! Meraviglioso, un’esperienza unica.

Portiamo i bambini all’area giochi, è giusto che anche loro si sfoghino un po’, e dopo breve … ecco le prime mongolfiere che si gonfiano e si staccano da terra!!! Oddio è una cosa inimmaginabile, indescrivibile … Dovete per forza andarci per capire!

20160910_182159.jpg

20160910_183305.jpg20160910_191532.jpgAncora qualche gioco, ci spostiamo sul pratone per fare merenda (mi presento al marito con due mojito e quasi si mette a piangere dalla felicità) e poi, pronti per la cena: piadine, piadine, piadine come se piovesse! Di una bontà che non vi dico!

Tiziano è meravigliato, Alice anche se piccola, continua a dire UAUUUUUU UAUUUU a tutto quello che vede!

A una bancarella di un anziano spagnolo compriamo una mongolfiera con famiglia a bordo: sono pezzi stupendi, fatti a mano, originali, non potevamo lasciarla lì!

20160911_161954.jpg

Manca solo una cosa: attendere le 21 per lo spettacolo delle mongolfiere illuminate a tempo di musica.

L’attesa è lunghetta anche perchè siamo dentro dalle 12 … ma ho imposto “eh no! siamo venuti fin qui, ora restiamo e lo vediamo!”

E infatti ne è valsa la pena!! Sulle note del walzer o del rock i palloni si illuminano e si spengono, uno ad uno o tutti insieme … ok dai, ore 21.15 anche se non è finito … non ce la facciamo più. Torniamo in campeggio.

La ciclabile di notte non è illuminata benissimo, ma non ci sentiamo minacciati anche perchè ci sono altre famiglie che tornano … doccia, pigiami, nanna.

Che giornata!

20160911_075308.jpg

Al mattino Tizi si alza per ultimo e trovandosi ancora in tenda esclama: “ah ma sono ancora in campeggio! mi sa che ho dormito troppo!” e si mette a fare colazione “come i gattini” dato che, ovviamente, non avevamo tavolo e sedie, ma solo qualche ciotola, del latte e dei biscotti.

20160911_082211.jpg

Inizialmente pensavamo di tornare al festival, ma decidiamo che invece vale la pena fare una gita a Ferrara. Mai decisione fu migliore! Città molto bella, curata, colorata, ricca di storia. Purtroppo non abbiamo molto tempo, era solo per arrivare a pranzo, confesso (piadine, piadine, ancora piadine!) e poi si torna a casa.

20160911_111619

Che dire, siamo tutti col sorriso sulla faccia.

Papino è felice come un bambino, mamma è felice come una bambina, i bambini … eh so’ bambini, vi devo dire che sono felici come bambini?

Mongolfiere + campeggio, ma che volete di più??

Lo rifaremo certamente l’anno prossimo, magari dedicando più tempo a Ferrara questa volta! Promesso!

Qualche info pratica:

Non c’è un parcheggio per le auto all’interno, ma vicinissimo si trova quello della piscina comunale (20 metri) gratuito. Le auto abbiamo visto che sono parcheggiate anche lungo la strada davanti al Campeggio Comunale Estense.

Si possono noleggiare bici all’interno del parco.

Sul sito Ferrarafestival.it trovate la cartina, il programma degli eventi giorno per giorno e tutte le info di cui avete bisogno.

Il biglietto costa 5€ per gli adulti (sopra i 12 anni) solo il fine settimana, perchè in settimana è invece gratuito per tutti.

Ci sono bagni Sebach in tutta l’area, ma essendo i classici bagni / gabbiotto, non ci sono fasciatoi o lavandini. Nel parco sono presenti fontanelle di acqua potabile, ma non ci potete certo lavare sederotti di neonati 🙂

Tutto il parco è in piano e adatto ai passeggini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...