I puffi viaggio nella foresta segreta – la mia recensione

I puffi: la più grande comunità omosessuale del regno animato.

Battute a parte, nella Foresta Incantata abitano i puffi e sono tutti maschi, tranne uno. Ci siamo sempre domandati come mai ci fosse una sola femmina, Puffetta.

La risposta ci arriva in questa nuova puntata sul grande schermo, I puffi, viaggio nella Foresta Segreta: é una creazione del terribile Gargamella, plasmata nell’argilla perché lo conducesse al villaggio degli odiatissimi puffi. Fortunatamente Grande Puffo le fa un incantesimo per cui diventa buona, ma … c’é un “ma”.

Ovviamente essendo “creata” é l’unica senza una peculiarità.  I puffi “veri” sono forzuti, intelligenti, curiosi, perfino tontoloni, ma lei? Amata da tutti gli altri puffi, Puffetta soffre di questa sua diversità e nella ricerca della sua personale caratteristica inizia un’avventura con Forzuto (innamorato di lei), Quattrocchi e Tontolone. Un’avventura che li porterà alla scoperta di un mondo che … eh no! Niente spoiler.

i puffi

Ogni storia può essere goduta a più livelli e questa non è diversa dalle altre.

Può essere una festa per occhi e orecchie piccolissime (o anche se non avete voglia di pensare troppo), colori magici, musica che fa venir voglia di alzarsi e ballare … E poi risate: la corsa coi conigli fluo, l’ingresso nella foresta misteriosa, i draghi volanti …

Un’altra chiave di lettura, più profonda e se vogliamo sottile, ma non poi così tanto, potrebbe essere che in una comunità ci sono persone che sanno bene qual é il loro posto nel mondo, ma ce ne sono altre che ancora la propria strada non l’hanno trovata o che semplicemente si sentono diversi dal gregge.

A molti di noi, soprattutto nel difficile percorso di crescita, è capitato di sentirsi diversi, di non sapere cosa siamo o cosa vorremmo essere e di averlo capito solo una volta diventati “grandi” (io per esempio non l’ho ancora capito), ma nel percorso magari ci siamo sentiti isolati, un po’ incompresi.

La verità che ci viene resa chiarissima da Puffetta è che ognuno di noi è speciale e se la comunità si stringe intorno agli incerti, questa si può addirittura ampliare!

Puffetta é, assolutamente e senza ombra di dubbio, il pezzo di argilla plasmato fa Gargamella! Se così non fosse non potrebbe salvare la sua comunità.

i puffi

Puffetta ci insegna che è solo attraverso la completa accettazione del sé che possiamo trovare il nostro cammino, la nostra specialità. Puffetta ritorna un blocco di argilla, scendendo profondamente nella sua essenza, per poter “risorgere” in una veste consapevole grazie all’amore e all’accettazione da parte di tutta la comunità del suo essere.

E’ questo ciò che ci comunica questo episodio dei nanetti blu: non cambiare gli altri per adattarli al gregge, ma amare e accettare la “pecora nera” proprio in quanto nera e ci guadagnano tutti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...